Sala studio

La ricerca in Archivio di Stato è libera e gratuita. Allo scopo di garantire una migliore conservazione del materiale documentario e un efficiente funzionamento della sala studio, studiosi e utenti sono tenuti a osservare il regolamento. Per essere ammessi è necessario esibire un documento di identità e compilare una domanda di ammissione, indicando correttamente i dati anagrafici e l’argomento della ricerca.
La gestione della sala studio è informatizzata per quanto riguarda la compilazione delle domande individuali degli studiosi e le richieste di consultazione dei singoli pezzi archivistici. 

E' consentita la richiesta di un numero di pezzi archivistici fino a 6 al giorno, e così pure fino a 6 pezzi bibliografici; per gli indici delle Registrazioni Notarili il numero è esteso a 20 pezzi.

La distribuzione del materiale avviene in seguito alla richiesta in tempo reale, compatibilmente con le esigenze di servizio, e cessa trenta minuti prima della chiusura della sala.

Tutti i fondi sono immediatamente consultabili, ad eccezione dei seguenti per cui è richiesta la prenotazione:

  • Archivi degli uffici giudiziari del periodo napoleonico, della restaurazione e postunitari
  • Carte Tazio Nuvolari
  • Castiglioni di Mantova, pergamene
  • Castiglioni di Mantova, mappe e disegni arrotolati
  • Denunce di successione degli Uffici del Registro di Asola, Mantova e Castiglione delle Stiviere
  • Genio Civile. Versamenti pervenuti dall’AIPO, dal Magistrato alle Acque, e dal Provveditorato regionale alle Opere Pubbliche-Nucleo Operativo di Mantova
  • Gridario dell'Archivio di Stato
  • Mappe e tipi di varia provenienza (in rotolo)
  • Mappe catastali (in rotolo)
  • Mappe e disegni di acque e risaie (in rotolo)
  • Senato e Supremo Consiglio di giustizia, banchi e carteggio d'ufficio
La documentazione può essere prenotata presso la Sala di studio la mattina per il pomeriggio, oppure un giorno per l’altro, purché la richiesta sia presentata entro le 12.30. Le prenotazioni possono in alternativa pervenire al seguente indirizzo as-mn@beniculturali.it indicando la data della presunta consultazione.

LIMITI ALLA CONSULTABILITA' DEI DOCUMENTI 
I documenti conservati negli Archivi di Stato sono liberamente consultabili, a eccezione di quelli dichiarati di carattere riservato ai sensi dell’articolo 122 del D.lgs. 42/2004. Lo studioso tuttavia per motivi di studio potrà richiedere la consultazione dei documenti per i quali non è trascorso il termine previsto, ai sensi dell’art. 123 del D.lgs. 42/2004.

RICERCHE PER CORRISPONDENZA
E’ possibile inoltrare richieste di ricerca per corrispondenza, purché l'oggetto sia ben definito e supportato da informazioni atte a circoscrivere l'indagine. In mancanza di dati puntuali saranno segnalati i fondi e le serie eventualmente utili per una ricerca diretta da condurre in sala studio da parte degli interessati. Le richieste vanno indirizzate per posta o per e-mail a: as-mn@beniculturali.it

 

 Modulistica